giovedì 2 ottobre 2014

Papertowns #9




Papertowns (città di carta) è una rubrica ideata da Reading is Believing. Ad ogni appuntamento vi presenterò i nuovi libri - esclusivamente in formato cartaceo - entrati in mio possesso che siano stati acquistati, scambiati, avuti in regalo o ricevuti in omaggio da case editrici e autori.


Ciao ragazzi e ragazze!
Penso che Papertowns sia la mia rubrica preferita anche se in questi mesi causa studio e laurea l'ho un po' trascurata (povera *sigh*), ma ho intenzione di rimettermi in pari, aggiornarvi sulle entrate estive e postare una volta al mese la rubrica, così da raggruppare tutti i libri che ho comprato durante il periodo mensile. Ieri è iniziato ottobre e ho GIA' (che qualcuno mi aiuti!!!) comprato un libro, non vi dirò quale, dovrete aspettare fine mese per saperlo ;). Intanto non vi preoccupate, in questo periodo pubblicherò almeno un'altra volta la rubrica per aggiungere gli altri romanzi che nel frattempo hanno raggiunto i loro amici sugli scaffali.
Con questo appuntamento della rubrica, concludo i tre post iniziati prima delle vacanze (si lo so bastonatemi, vi supplico!), e questi sono gli ultimi romanzi. 
A presto ^_^





Miss Marple - Nemesi di Agatha Christie 

Corriere della Sera
Mercatino Usato

Il vecchio miliardario Jason Rafiel ha lasciato una lettera ai suoi esecutori testamentari da consegnare a Miss Marple dopo la sua morte. Nella lettera si invita l'arzilla zitella di St. Mary Mead ad investigare su un omicidio senza specificare quale. Miss Marple riuscirà nell'intento ma dovrà passare attraverso una gita turistica per l'Inghilterra, la conoscenza di tre vecchie sorelle, un incidente di montagna con morto e la storia di una fanciulla deceduta dieci anni prima.





Balzac e la piccola sarta cinese di Dai Sije
Adelphi

Scambio

La storia di questo libro racconta di come la lettura, grazie alla segreta malia di una misteriosa, preziosissima valigia di libri occidentali proibiti, riesca a sottrarre due ragazzi, colpevoli soltanto di essere figli di "sporchi borghesi", a svariate torture e permetta anche a uno di loro di conquistare la "Piccola Sarta cinese". Così, pur vivendo in mezzo agli orrori della rieducazione, i due ragazzi e la Piccola Sarta scopriranno, in virtù di qualche goccia magica di Balzac, che esiste un mondo fatto di pura, avventurosa bellezza. Attraversando, nel frattempo, rocambolesche avventure.




Via dell'angelo e altri racconti 
di Elsa Morante
Sole 24 ore

Mercatino Usato

“La via dell’Angelo” è un breve racconto scritto da Elsa Morante nel periodo giovanile. E’ inserito nella raccolta intitolata “Lo scialle andaluso”. Antonia è una giovane ragazza che ha perso i genitori da piccola ed è stata messa in un convento gestito da tre suore. Il convento si trova in una via detta “dell’Angelo” per via di una grande statua di pietra, posta all’incrocio della via, che rappresenta un angelo. La statua ha due grandi ali ripiegate, è una figura decapitata e monca, in atto di avanzare su larghi piedi anneriti. Si era persa la memoria delle origini della statua, forse era un antico Gabriele, residuo di una chiesa distrutta, forse una vittoria, preda simbolica di battaglia, forse un Angelo che Dio aveva scacciato dal Paradiso per qualche colpa grave e condannato alla Terra. Quest’ultima era l’ipotesi più accreditata dalla leggenda popolare, secondo la quale l’angelo di notte si introduceva nelle case, assumendo svariate forme, rapiva le persone, soprattutto i fanciulli. Molti di coloro che passavano davanti alla statua si segnavano e dicevano una preghiera.

Solo Bontà di Jhumpa Lahiri
Sole 24 ore

Mercatino Usato


Rahul e Sudha, due ragazzi bengalesi, fratello e sorella, diventano adulti in America. Lui è una delusione: espulso dall'università fugge di casa, perseguitato dall'alcolismo. Lei è la figlia che ogni genitore vorrebbe: ottimi studi, un lavoro di cui vantarsi con gli amici, sposa un inglese e mette al mondo un bel bambino. Una famiglia di immigrati indiani "tipica e terribile quanto qualsiasi altra".
In una storia di integrazione e di conflitti domestici tra il Massachussets e Londra, il mito del successo e il demone del fallimento fanno da bussola a vite segnate da sradicamento ed egoismi, nella vana ricerca della felicità.


Lettera ad un bambino mai nato 

di Oriana Fallaci
BUR
Acquisto

Il libro è il tragico monologo di una donna che aspetta un figlio guardando alla maternità non come a un dovere ma come a una scelta personale e responsabile. Una donna di cui non si conosce né il nome né il volto né l'età né l'indirizzo: l'unico riferimento che viene dato per immaginarla è che vive nel nostro tempo, sola, indipendente e lavora. Il monologo comincia nell'attimo in cui essa avverte d'essere incinta e si pone l'interrogativo angoscioso: basta volere un figlio per costringerlo alla vita? Piacerà nascere a lui? Nel tentativo di avere una risposta la donna spiega al bambino quali sono le realtà da subire entrando in un mondo dove la sopravvivenza è violenza, la libertà un sogno, l'amore una parola dal significato non chiaro. Con la prefazione di Lucia Annunziata.

giovedì 25 settembre 2014

The very ispiring Blogger Award





Salve a tutti!!
Come avevo annunciato nel mio ultimo post, dato il mio ritorno tenterò di riprendere a pieno ritmo l'attività del blog. Le buone intenzioni ci sono ;).
Intanto avevo ricevuto questo premio speciale da Franci di Coffee and books girl e da Claudia di Creature di carta

Le regole dell'award sono:
1. Ringraziare la persona che ti ha nominato.

2. Elencare le regole e visualizzare il premio.
3. Condividere 7 fatti su di te.
4. Nominare altri 15 blog e lasciargli un commento per fargli sapere che sono stati nominati.
5. Mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato.

I 7 fatti su di me condivisi da me 
Fatto n°1: Adoro la trilogia di Jurassic Park, l'ho guardata tantissime volte e so tutti i film a memoria, ma quando arrivano i velociraptor e quel dinosauro brutto brutto ho ancora paura e mi nascondo dietro la porta 
Fatto n°2: mi piacciono i drama, soprattutto i coreani, ma anche i giapponesi e i taiwanesi ^_^
Fatto n°3: mi piace tantissimo il tè *_*
Fatto n°4: ho una paura matta delle meduse (help me o.o)
Fatto n°5: Mi piacciono i film "catastrofici", tempeste, tornado, vulcani, terremoti e più sono assurdi e più mi piacciono (gusti strambi lo so xD)
Fatto n°6: mi piacciono i balli latino-americano 
Fatto n°7: Ordino e riordino i libri della mia libreria, mi piace metterli in ordine e odorarli. Non c'è niente come il profumo della carta stampata *_*
I 15 blog nominati-che-probabilmente-hanno-già-ricevuto-una-nomination-ma-dovevo-nominare-per-forza-loro :) 


giovedì 18 settembre 2014

Recensione: "L'arte ingannevole del gufo"

Sera a tutti.
Si sono viva. 
E no non sono una fantasma.
Se ve lo stavate chiedendo. Purtroppo questo settembre come temevo è volato via, ma porta alla fine di questo mese, finalmente, la tanto attesa LAUREA e l'inizio di un nuovo percorso di studi.
Con questa recensione, in archivio da tantissimo tempo, e che non avevo mai trovato il tempo per rileggerla, editarla e postarla. 
Bando alla ciance, che devo recuperare un botto di cose...fatemi un grande in bocca al lupo, che è meglio va ;)
L’arte ingannevole del gufo di Ella West
Giunti (A)
Sfoglialibro: qui

Il mio gufo è appollaiato sul ramo di un albero, in alto. Non è veramente il mio gufo, ma lo vedo quasi tutte le sere e quindi è come se fosse mio, il mio guardiano notturno. Mi guarda mentre corro tra le file di alberi con una vanga e un sacco, con dentro un milione di dollari in banconote da cento.

Il gufo sa tutto.”
Correre libera su un prato verde, con il sole che bacia la pelle regalando un piacevole calore, il vento che accarezza i capelli. Vivere una mattinata, piacevole e all'aperto. E' solo un sogno per Viola, quattordici anni e malata di XP.
Cos'è vi chiedere? E' proprio Viola, voce narrante di questo breve romanzo per ragazzi, a spiegarci di cosa si tratta.
E' una rara disfunzione genetica che rende impossibile l'esposizione al sole, che brucerebbe la pelle causando ustioni profonde e tumori della pelle.
Viola è una creatura della notte, dorme di giorno e vive di notte, giocando e correndo libera nel bosco grazie ad un paio di modernissimi occhiali da visione notturna e come unico amico, un gufo.
Ed è durante una delle sue spensierate escursioni che assiste a quello che a tutti gli effetti è un omicidio.
Viola vede un ragazzo tirar fuori un corpo pesante dal bagagliaio di un auto e lo trascina sul sedile di guida, prima di dare fuoco alla macchina. Poi seppellisce un sacco pieno di soldi nel terreno vicino. Che cosa ci fanno tanti soldi sepolti nel bosco? E quel ragazzo è forse un assassino? Tornerà a cercarla? Nonostante tutto Viola comincerà ad indagare nella speranza di proteggere la sua famiglia.


"L'arte ingannevole del gufo" è un libro che si lascia leggere con facilità, e più che ad un pubblico adulto è particolarmente adatto ad un pubblico giovane, perché ha proprio alcune caratteristiche tipiche dei libri per ragazzi, spiegando con poche frasi concetti ben più difficili. 
L'intero complesso narrativa non è completamente equilibrato, infatti la storia vede una vera svolta se non dopo buona parte del romanzo, incentrata soprattutto a far capire al lettore come si svolgeva la vita di Viola. Viola vive di notte e dorme di giorno, fa colazione mentre il padre cena e viceversa, si allena duramente con il violoncello di pomeriggio o in prima serata, il suo sogno è di diventare una brava violoncellista come la madre.
Proprio per questa mancanza di equilibrio l'intera faccenda si risolve in poche pagine alla fine, il climax si ha solo alla fine del romanzo, in una maniera un po' improvvisa.
Nonostante per i miei gusti non sia stato un romanzo equilibrato, ho trovato la sua lettura in ogni modo piacevole e veloce, e lo ritengo un romanzo adattissimo ad una generazione di giovanissimi che vogliono leggere una storia che vuole mescolare i romanzi per giovani con l'essenza del giallo. Chissà forse ispirerà la futura Agatha Christie :)


giovedì 28 agosto 2014

Anteprima: “FLAMEFROST Insieme controcorrente” di Virginia Rainbow

Buongiorno ragazzi!!
Vi ricordate di me? Oppure sono stata dimenticata? Bhè avete ragione, è passato talmente tanto di quel tempo dal mio ultimo post che non potrei biasimarvi!! Eppure con la fine dell'estate torno anche io, ancora molto impegnata per la mia laurea ma con un po' di tempo in più.
E torno oggi con una presentazione speciale. Ricordate Virginia Rainbow, già autrice de "La maschera Nera" e di "Flamefrost - Due cuori in gioco" (qui la presentazione del libro nel blogtour organizzato dall'autrice)? 
Ebbene in attesa dell'uscita del prossimo capitolo della trilogia di Flamefrost è stato organizzato un altro intenso e attivissimo blogtour di cui la mia è solo una della tante innumerevoli tappe.
Bene, carissimi è tutto, vi lascio alle informazioni sul romanzo.



“FLAMEFROST Insieme controcorrente” 
di Virginia Rainbow
 autopubblicazione con Youcanprint

Genere: romance-fantascienza
Pubblicato: agosto 2014
Pagine: 292 pag
Prezzo: 15,90 €
TRAMA: Il rapporto tra Sarah e Gered è arrivato a rottura, ma nessuno può prevedere gli eventi che li porteranno ad avvicinarsi di nuovo. Una serie imprevista di difficoltà cambierà per sempre la vita di Sarah e porterà Gered ad affrontare il biasimo e il contrasto della famiglia. In una escalation di fughe rocambolesche e momenti di suspense, si dipana il destino dei due protagonisti, che nel frattempo maturano e imparano a rapportarsi fra di loro. Li accompagnano amici fidati disposti a tutto per servirli e proteggerli da chi li ha traditi nel modo più vile. Dalle montagne innevate dell’Everest alle foreste dell’Amazzonia, dalle strade di Roma alle segrete della navicella madre, infine la loro strada sarà posta davanti a un bivio dal quale non è possibile fuggire. I misteri e le verità nascoste lasciate in sospeso nel primo volume saranno svelati? Appassionante e travolgente, questo secondo capitolo della trilogia ci farà conoscere gli aspetti più profondi dei protagonisti, mettendo in luce desideri e sentimenti sempre più forti. Una miscela di avventura e romanticismo che stupirà il lettore per la sua carica di dolcezza e adrenalina, immergendolo in un mondo tanto fantastico quanto reale.

L'autrice 
Virginia Rainbow è un’autrice che scrive fin da bambina, creando storie piene di immaginazione e sentimento. Ora passa il suo tempo tra il lavoro e la sua passione per la scrittura. Adora leggere, fare passeggiate in montagna e guardare i cartoni della Walt Disney. Il suo romanzo di esordio è “The black mask”; segue “Flamefrost Due cuori in gioco”, primo capitolo della trilogia Flamefrost.

Altre informazioni utili:

Siti dove è possibile acquistarlo: www.youcanprint.it - www.ibs.it - www.Amazon.it 
Pagina facebook: www.facebook.com/pages/I-romanzi-di-Virginia-Rainbow/742792235778674
Profilo autrice: www.facebook.com/lamascheranera.romanzo
Per informazioni riguardo l’e-book ed eventuali sconti, CONTATTARE DIRETTAMENTE L’AUTRICE alla mail :virgy72@aliceposta.it o alla chat del suo profilo autore

venerdì 27 giugno 2014

Recensione: "Jezabel" di Irène Némirovsky

Salve a tutti lettori,
purtroppo tutti i miei propositi per questo mese, ma ci sono state lunghe pause dalla lettura causa studio. Ora l'esame è andato e posso tornare a dedicarmi un po' alle mie attività preferite, riprendendo in mano il blog, almeno fino a quando lo studio o il caldo non mi rapiranno nuovamente.
La lettura che mi ha accompagnato questo mese è stata "Jezabel" di Irène Némirovsky (Prezzo: 10,00 € - Traduttore: Laura Frausin Guarino).


 "Jezabel" di Irène Némirovsky
Casa Editrice: Adelphi (Piccola Biblioteca)



Jezabel è stato come un richiamo ancestrale, una sirena che mi ha adulato fino a che non ho acquisto questo romanzo di neanche 200 pagine, ma denso di emozioni e di sentimenti. 
Gladys Eysenach è la donna più bella, amata e adorata di Parigi, conosciuta in ogni dove per la sua bellezza algida e irraggiungibile, una divinità venerata dagli uomini e dalle donne, i primi vogliono amarla e le secondo vogliono essere come lei. E Gladys si ubriaca all'idea di essere amata e adorata, sono la sua droga e il cibo per la sua anima. 
Lei amava proprio questo, e proprio questo la eccitava: provare costantemente a se stessa il suo dominio sugli uomini.
All'inizio del romanzo Gladys non sembra neanche lei, distrutta, sfibrata e addolorata presenzia al suo processo senza mostrare neanche un briciolo della forza che aveva dimostrato durante la sua vita. Non ribatte, non si difende, chiede solo a gran voce che le venga data la pena che merita, per cosa? Per l'assassinio del suo giovane "amante"?
Ma qual è la verità? Quella che Gladys cerca con tutte le sue ultime forze di nascondere? 
Quale verità nasconde la richiesta di Gladys di non chiedere alcuna clemenza? Quale segreto vale cinque anni di carcere e nessuna certezza di un futuro avanti?
All'inizio del libro non si sa e bisognerà seguire le vicende di Gladys Eysenach per scoprire chi veramente lei fosse e cosa la tormenta.

"Insomma c'è una sola realtà, una sola felicità al mondo, ed è la gioventù."

Solo la  bellezza vale ogni sacrificio, e per essa che Gladys non si tira indietro e compie qualsiasi cosa, morale o immorale, che sia.
Tutto ciò che conta è essere amata e adorata, è per la bellezza di una gioventù svanita che Gladys si fa coraggio.

"Coraggio," pensava con rabbia "balla, sorridi!...Devi essere spensierata, bella, giovane!...Devi piacere, e piacere ancora...A tutti gli uomini, perché lui lo veda e sia geloso!..."

Jezabel è stata una lotta, una sfida continua dove non sapevo da che parte stare: se parteggiare per la debolezza di Gladys o per la gioventù rubata della sua nemesi, che lei stessa aveva contribuito a costruire, negando con insistenza la sua età e la sua vera natura.
Un libro così ricco e denso di emozioni da togliere il fiato, e da impedire di fare altro se non leggere e continuare ancora a leggere.
Vorrei poter avere le parole adatte a descrivere il suo stile, ritmato e veloce. Leggere un suo romanzo è come fare una corsa, senza mai fermarsi,continuare a correre, fino ad arrivare al suo climax, un continuo flusso di pensieri e di parole, che riescono a descrivere così bene la vera natura dei suoi personaggi da sconvolgere per la sua cruda realtà.
Visto che non mi sento in grado di descrivere il suo stile, vorrei usare le stesse parole della scrittrice. Ecco cosa diceva Irène Némirovsky riguardo al suo ultimo romanzo, pochi giorni prima del suo arresto:


Il libro in sé deve dare l'impressione di essere semplicemente un episodio... com'è in realtà la nostra epoca, e indubbiamente tutte le epoche. La forma, dunque... ma dovrei dire piuttosto il ritmo: il ritmo in senso cinematografico... collegamenti delle parti fra loro. Tempête, Dolce, dolcezza e tragedia. Captivité? Qualcosa di smorzato, di soffocato, il più possibile cattivo. Dopo non so. L'importante – i rapporti fra le diverse parti dell'opera. Se conoscessi meglio la musica, credo che questo potrebbe aiutarmi. In mancanza della musica, quello che al cinema si chiama ritmo. Insomma, preoccuparsi da una parte della varietà e dall'altra dell'armonia. Nel cinema un film deve avere una unità, un tono, uno stile. 

Credo di non essere riuscita ad omaggiare neanche un terzo di questo romanzo, o se vi ho fatto pensare ad un suo possibile acquisto; è il mio primo approccio con questa scrittrice della quale vorrei leggere tutto e questo nostro primo incontro è stato incredibile.



giovedì 29 maggio 2014

Novità Primavera (Maggio) Einaudi: "L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio" di Haruki Murakami , "Lasciarsi andare" di Alice Munro, "Se la vita che salvi è la tua" di Fabio Geda "La mammana di Antonella Ossorio" e "La ragazza delle camelie- Vita e leggenda di Marie Duplessis" di Julie Kavanagh

Maggio è quasi finito e possiamo tirare un po' le somme. Ho pubblicato in questi giorni le ultime novità uscite per Giunti e Mondadori, quindi oggi vi ricordo ciò che è uscito per un'altra grande casa editrice: l'Einaudi.
I titoli sono tanti e tutti interessanti, quelli che mi interessano di più sono "La mammana di Antonella Ossorio" e "La ragazza delle camelie- Vita e leggenda di Marie Duplessis" di Julie Kavanagh. Ovviamente anche gli altri titoli sono interessanti, ma questi mi hanno incuriosito maggiormente.
Voi invece notate qualcosa che potrebbe piacervi?? Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensante e un vostro commento, sia qui o sulla pagina facebook, o anche in via privata, dove preferite :).




L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio di Haruki Murakami 
Einaudi

Pagine: 256
Prezzo: 20,00 €
Traduttore: A. Pastore
Pubblicato il: 20 maggio

TRAMA: Quando vieni tradito dagli unici amici che hai, quando all’improvviso le persone piú care ti voltano le spalle senza una spiegazione, nel tuo cuore si spalanca un abisso dentro il quale è facile precipitare. Tazaki Tsukuru ha convissuto con il dolore di quell’abbandono per troppo tempo. Dopo sedici anni capisce che non può nascondersi per sempre: deve rintracciare gli amici della giovinezza e scoprire il motivo di quel gesto. Ma piú di tutto deve scoprire chi è veramente Tazaki Tsukuru. Il nuovo romanzo di Murakami Haruki è una meditazione sulla natura della felicità, sull’amicizia e il desiderio. Sul prendere coscienza di una cosa: che iniziamo a vivere davvero soltanto quando iniziamo a morire un po’.




Se la vita che salvi è la tua di Fabio Geda
Einaudi

Pagine: 240
Prezzo: 17,50
Pubblicato il: 27 Maggio
TRAMA: «I miei figli faranno quello che potranno, quello che la vita gli offrirà. Ciò che posso mostrargli è come. Come fare le cose, come alzarsi e andare incontro al giorno che ogni mattina Dio ci srotola di fronte quando il primo sole illumina i tetti delle case, di chiunque siano quelle case. Non ho molta fiducia nelle parole, signore. L'esempio, quello sí».
Andrea Luna ha trentasette anni, fa l'insegnante, ma non ha una cattedra fissa. Quello che doveva essere un breve soggiorno newyorkese, una vacanza solitaria voluta per riprendere fiato e soffocare le braci di una crisi coniugale, si trasforma in una peregrinazione nelle miserie dell'umanità e nella sua infinita ricchezza, in un viaggio che lo trascina ai margini della società e che gli regala incontri memorabili, soprattutto quello con la famiglia Patterson: Ary, la madre, e i suoi due figli gemelli di tredici anni, Benjamin e Allison. Quando, all'improvviso, Andrea decide di tornare a casa dalla moglie, quello che ha lasciato non esiste piú. E allora capisce che «casa» è altrove. Per raggiungerla sarà disposto a tutto, anche ad affidarsi a un pollero, un trafficante d'uomini.





Lasciarsi andare di Alice Munro
Einaudi

Traduttore: Susanna Basso
Pagine: 583
Prezzo: 15,00
Pubblicato il: 27 Maggio
TRAMA:«Nell'opera di Alice Munro la grazia è ovunque, ma stranamente è nascosta: niente può essere previsto. Le emozioni prorompono. I pregiudizi si sgretolano. Le sorprese proliferano. Lo stupore balza fuori all'improvviso. Le azioni malvagie possono avere conseguenze positive. La salvezza giunge quando meno la si aspetta, e in forme singolari». Margaret Atwood
Lasciarsi andare raccoglie diciassette racconti, scelti da Alice Munro tra i suoi preferiti. Diciassette pietre miliari che scandiscono un percorso affascinante lungo la sua carriera, le sue opere, i suoi temi. E che ci permettono di osservare, con un unico colpo d'occhio, l'evoluzione di un talento senza pari. Di un'autrice che, attraverso le sue storie, ci legge nel pensiero.




La mammana di Antonella Ossorio
Einaudi

Pagine: 288
Prezzo: 18,50
Pubblicato il: 27 Maggio

TRAMA: «Eppure a vederli parevano una famiglia come le altre. Anzi, quasi come le altre, perché né la bellezza di Lucina né il candore di Stella erano merce comune».
Nella notte del primo marzo 1843, sotto una cometa che sembra minacciare sventura, viene al mondo una bambina. È un parto complicato, che potrebbe finire male se ad assistere non ci fosse Lucina, la mammana del paese, e forse sarebbe meglio cosí: la piccola è una «capa janca», e dunque maledetta. Sarà proprio Lucina, dopo averla salvata dalle reazioni superstiziose dei genitori, a darle un nome - Stella - e farle da madre, portandola via da quel posto che rifiuta entrambe. La mammana infatti, dietro la sua bellezza conturbante, ha nascosto per molto tempo un segreto. Con l'aiuto di Bartolomeo, corteggiatore ostinato tenuto a debita distanza, Lucina si trasferisce a Napoli. Ma neppure nel brulichio della città, accogliente e minacciosa insieme, sembra riuscire a trovare pace. Perché «cosí com'è un azzardo giurare per sempre, è un peccato di superbia affermare mai piú». Antonella Ossorio mescola con sapienza romanzo storico e saga famigliare, tessendo una storia ammaliante e originale. La storia di tutti quelli che con fierezza e coraggio, nello scontro quotidiano tra doveri e desideri, non rinunciano a cercare la propria strada.





La ragazza delle camelie - Vita e leggenda di Marie Duplessis
di Julie Kavanagh
Einaudi

Traduttore: F. Massimi
Pagine: 256 
Prezzo: 19,50
Pubblicato il: 2
7 Maggio 

TRAMA:«Da diversi giorni i quotidiani hanno lasciato perdere tutte le questioni politiche, artistiche ed economiche. Ogni cosa impallidisce al cospetto di un incidente assai piú importante: la morte romantica di una gloria del demi-monde, la bella e famosa Marie Duplessis».
Charles Dickens, Parigi 1847
Alphonsine Plessis nasce in Normandia nel 1824. La madre, Marie Plessis, è una donna di umili origini ma dal portamento e l'educazione aristocratici. Il padre, Marin, è un ambulante squattrinato e violento che in virtú della sua bellezza mozzafiato passa di donna in donna, riuscendo spesso a farsi mantenere nei suoi innumerevoli vizi. Quando la madre muore, Alphonsine e la sorella maggiore Delphine vengono separate e accolte in casa di parenti impietositi. A soli dodici anni, Alphonsine impara a procurarsi il cibo da sola, spesso mendicando, e qualche volta vendendosi a contadini e negozianti. Il padre si approfitta della situazione «prestando» la figlia a un losco settantenne che la ricompensa per gli innominati servigi, fin quando la ragazza non fugge a Parigi. Nella capitale Alphonsine abbandona lo status di contadinotta per diventare una grisette, ovvero un'operaia di facili costumi, spesso al braccio di studenti o di commercianti piccolo borghesi. All'inizio Alphonsine ha un mestiere rispettabile in una stireria industriale; ma presto la sua avvenenza le guadagna molti ammiratori, uno dei quali le offre un appartamento tutto per lei. Ed è cosí che Alphonsine si trasforma in lorette. La lorette è una grisette che non si concede piú per puro piacere o in cambio di una bella serata, ma per calcolo. Normale è per una lorette passare di protettore in protettore, puntando sempre piú in alto. Conti, duchi, uomini potenti e del bel mondo sono ora gli amanti e i protettori di Alphonsine, diventata ormai Marie Duplessis. Queste nuove amicizie le consentono di circondarsi di un lusso senza pari, per il quale sembra avere un gusto innato. Introdotta nei circoli intellettuali ed edonisti piú esclusivi di Parigi, Marie incanta le migliori menti del secolo, da Gauthier a Dumas padre, dal celebre dandy Nestor Roqueplan al potentissimo Louis Veron, fondatore dei «Discepoli di Eros», ad Alexandre Dumas figlio a Franz Liszt. La professione di Marie le consente un accesso privilegiato al meglio del suo tempo, e presto il suo tempo si accorge di lei, per non dimenticarla piú.


Anteprima: "Quasi un romanzo" di Leonardo Martinelli Longanesi

Solitamente parlo sempre di romanzi, ma questa volta voglio nominarvi una novità da oggi in libreria.

Si tratta di "Quasi un romanzo" di Leonardo Martinelli, edito da Longanesi e disponibile da oggi in tutte le maggiori librerie e online.
Da quanto ho capito è un manuale per l'economia sotto le spoglie di un romanzo, Leonardo Martinelli sfruttando i personaggi più famosi della letteratura classica e moderna che abbiamo amato spiega al lettore le basi e alcuni degli argomenti più difficili dell'economia.
A me questi romanzi mi hanno sempre affascinato e incuriosito, sono delle letture diverse, forse utili per spezzare da romanzi e short stories a cui siamo abituati.
Voi cosa pensate? Questo romanzo/manuale mi incuriosisce...appena vado in libreria darò un'occhiata :D.


Quasi un romanzo di Leonardo Martinelli 
Longanesi

Pagine: 282
Prezzo: 14,90
Pubblicato il: 29 MAGGIO
TRAMA: Sembra incredibile eppure l’economia e la finanza, che a moltissimi appaiono materie ostiche e fredde, possono diventare avvincenti come un romanzo d’avventura, appassionanti come un buon film. E questo libro ne è la dimostrazione. Prendendo spunto da un suo fortunato programma per Radio3, Leonardo Martinelli riesce nella difficile impresa di umanizzare l’economia e la finanza, spiegandone i concetti chiave grazie a esempi tratti dalla letteratura e dal cinema. Guidandoci tra gli intrecci di opere che tutti conosciamo e amiamo, Martinelli ci fornisce i chiarimenti necessari per poter finalmente capire cosa siano lo spread, i subprime, il default, le agenzie di rating e molto altro ancora. Sarà quindi Il falò delle vanità di Tom Wolfe a parlarci di bond o di obbligazioni e Bel-Ami di Maupassant di insider traning e aggiotaggio. Il film disneyano Mary Poppins ci introdurrà nel mondo delle unioni bancarie mentre Wall Street di Oliver Stone nell’universo della Borsa con le sue derive. I termini finora più o meno incomprensibili dell’economia e della finanza faranno adesso un po’ meno paura e ci accompagneranno lungo le pagine di questa sorprendente guida a letture e visioni ormai indispensabili per comprendere il nostro tempo.